Ho visto tanti gatti senza sorriso, ma un sorriso senza gatto mai

Cose semplici

Hemingway diceva che il Friuli Venezia Giulia è il compendio dell’universo, ed aveva ragione.
Così ora mi godo il sole primaverile dal mare, mentre guardo le Alpi innevate.
E penso, una volta di più, che Dio è nei dettagli.

Annunci

Commenti su: "Cose semplici" (7)

  1. Vero, verissimo.
    Ci sono giornate come quella odierna in cui la bassa friulana è un bellissimo posto dove vivere. Poi ci sono quei pochi mesi l’anno di nebbia costante che un po’ spappolano le gonadi.

    • Un po’ tanto a dire il vero, in cui tutto è grigio ed ancora grigio e nient’altro che grigio.
      Ma in giornate come oggi, è davvero un incanto da guardare ad occhi e cuore spalancati.

  2. Cogliere una sfumatura, a volte, regala l’infinito
    Ciao, un sorriso
    Ombreflessuose

  3. Monti e mare.
    E in mezzo a tutto questo c’è Trieste, nella parte giuliana della regione
    (attenzione a non confonderle le due parti)
    città che conobbi e alla quale mi legano ricordi anche dolorosi nella storia con A-Woman.
    Sì, dettagli c’è il divino e l’infernale.

    • Proprio a me triestina lo dici? Amo la mia città, anche con quei contrasti e quelle idiosincrasie che a volte mi fan proprio rabbia.
      Così aperta sul mare eppure così incredibilmente chiusa, arroccata in idee fuori tempo e fuori contesto.
      Ma c’è la meraviglia del Carso, delle rocce vive sotto le scarpe e sotto le mani, i pini che si arrampicano in pochissimi centimetri di terra e non mollano, tenaci, aggrappati a quella stessa roccia che rischia di farli cadere. E da quelle stesse rocce poi gustarsi il mare del golfo, la penisola di Muggia e poco più lontano l’Istria, girare poco poco lo sguardo e dall’altra parte scorgere i litorali sabbiosi di Grado e Lignano e le foci del Tagliamento. Ogni volta, per me, è un’emozione grande, un innamoramento che diventa amore istantaneamente.
      Piccole cose semplici, dettagli di sterminata bellezza.

    • Stavo vedendo le immagini dell’alluvione in Austria, Cechia e Germania.
      Mi è così cara la Mitteleuropa.
      Proprio un ricordo di infanzia, di usi e di paesaggi e di sapori e fogge ed architetture eclettiche e liberty, di atmosfere.
      Dopo quella volta con AW non ci tornai più a Trieste.
      Ma per il poco che l’ho conosciuta mi è rimasta tra i posti a me più cari dìItalia.
      Sconosciuta ma così intima.
      Quell’incontrarsi delle tre culture, latine, germanica e slava.
      Il mare e le colline del Carso, un po’ più in la i monti del Friuli.
      Sì, una bellezza che ad immaginarla mi è ancora struggente.
      Anche il fatto che come un’amata bisogna raggiungerla,, in quell’angolino remoto a nord-est.
      Se si va lì si va lì solo e proprio per lei.
      🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: