Ho visto tanti gatti senza sorriso, ma un sorriso senza gatto mai

Articoli con tag ‘Amore’

Tramonti

Ieri avevo in mano due ecografie. Sorridevo mentre le guardavo, contenta per la piccola nuova vita e mi immaginavo l’emozione e la gioia dei genitori. La nonna me le mostrava piena di orgoglio e di tenerezza, e mi raccontava come sua nuora l’abbia commossa nel raccontarle il suo buongiorno ogni mattina a quel fagottino di cui ancora non sa il sesso, e di come desideri saperlo per chiamarlo con il nome che e’ stato scelto. Continuavo a sorridere, contenta sul serio e profondamente.
E dentro di me piangevo, per il mio desiderio che si scontra con il no deciso di mio marito. Piangevo per la mia speranza ancora troppo presente che non vuole rassegnarsi a crederci sul serio. Piangevo per le mie mani che vorrebbero accarezzare un pancione, per i piccoli movimenti che così intensamente vorrei sentire dentro di me. Piangevo per lo scarso tempo che mi rimane a disposizione e per questi anni che scivolano via senza scampo.
E mi sono odiata, per l’invidia che ho sentito in modo così prepotente.

Annunci

E’ andata così

Riguardo al mio matrimonio tutti i convenuti concordano su due punti: è stata una bella cerimonia seguita da una bella festa ed io ero raggiante.

Due considerazioni che condivido dal profondo del cuore, specie perchè se avessi immaginato quel giorno e me ne fossi fatta una versione ideale, sarebbe stata esattamente così.

Fin dalla prima mattina, dai pensieri mentre mi facevo la doccia, per la serenità che c’era sotto all’emozione immensa di quei momenti, gli ultimi da sola per tutto il resto della giornata. E poi le “coccole” della parrucchiera mentre mi specchiavo nel bagno dei miei, così familiare, le mie amiche che sono arrivate con il sorriso spontaneo della partecipazione, il fotografo volitivo nella sua simpatia contagiosa. E i miei genitori naturalmente, tesi, emozionati, coinvolti, felici. Mi hanno commosso, una volta di più, per le piccole attenzioni ai particolari, quelle che ti fan sentire speciale davvero.

Poi di fronte alla chiesa, con la consapevolezza estrema di ciò che stava per accadere e la gioia immensa per questo. Ho percorso la navata al braccio di mio padre, e non avrei potuto stare seria nemmeno se lo avessi voluto. Un’amica mi ha detto poi che non ha mai visto una sposa così contenta e con un sorriso come quello che avevo io. Onestamente, ci credo, perchè ho lottato tanto per arrivare a questo, l’ho desiderato intensamente.

L’emozione di vedere lui, splendido in quel vestito che non mi ha permesso di vedere prima, con in più la sorpresa della cravatta, lui che le cravatte le odia e non se n’era mai messa una e mi aveva detto mai si sarebbe messo. Ancora, la gioia di prenderlo per mano, e sentire la sua stretta, la sua emozione in quel gesto piccolo eppure così intimo.

E’ stranissimo: mi riordo perfettamente ogni istante di quel giorno, ogni emozione, ogni inflessione, tutto. E rifarei tutto mille e mille volte.

Vorrei

Ho voglia di far l’amore con te, di perdermi nel tuo abbraccio, di dimenticarmi d’ogni altra cosa.

Ho voglia di sciogliermi e di non pensare, diventare aria che ti avvolge.

Questa sensazione liquida che mi scorre dentro.