Ho visto tanti gatti senza sorriso, ma un sorriso senza gatto mai

Articoli con tag ‘cambiamento’

Considerazioni

A me non fanno paura gli islamici. Non mi fanno paura quelli che arrivano, non mi fanno paura i cambiamenti. Non mi fanno paura nemmeno i terroristi.

A me fa paura la cosiddetta gente normale. Quelli che “godo quando i barconi affondano e annegano” e che “bisogna ammazzare tutti” e che “sono tutti delle merde subumane”. Mi fanno paura perché in loro vedo la totale assenza di un cervello pensante che vada oltre l’istinto rettile di mera conservazione a dispetto di tutto il resto.

Mi fanno paura perché sono sciocchi, ottusi e manipolabili e mentre gridano al complotto sono essi stessi inconsapevoli strumenti di quelle forze che detestano.

Mi fanno paura perché se una guerra ci sarà, sarà per la loro colpa massima: essersi resi schiavi dei loro stessi slogan a tal punto da offrirsi come baluardi di giovani petti (cit.) per contrastare chissà quale terribile minaccia.

Io non voglio vivere così. Mi rifiuto di sentirmi impaurita e soffocata e schiava di altrui pensieri sconnessi. Vivo la mia vita come l’ho sempre vissuta: tranquillamente e serenamente. Perché è così che la voglio, che l’ho cercata e l’ho costruita.

 

Annunci

Ci siamo

Ecco, tra 12 ore (meno in realtà) sarò una donna sposata.

Mi sto guardando le fedi ben disposte sul cuscino, i fiori che sono arrivati per me, il vestito pronto per domani, tutti i segnali esteriori di un passo decismente importante. E stramente ho la curiosa sensazione che tutto questo non stia accadendo a me, ma di esserne solamente una spettatrice. Mi sconcerta, perchè questo alone di irrealtà che mi avviluppa mi ha preso alla sprovvista: di tutte le reazioni possibili, questa non la immaginavo.

Eppure ho le farfalle nello stomaco, e sono spaventata e felice e ansiosa e curiosa e razionale e sognante ed un sacco di cose ancora a cui non so dare un nome, tutte contemporaneamente. Sono giorni che mi dicono che è normale e che tutte le spose stanno così, ed io continuo a ripetere che non sto cercando di fare a gara di originalità. Mi limito a prendere atto di quello che sto vivendo, ed ecco… mi piace, molto.

Bah

Sono stanca, stufa ed irritabile, da mesi ormai.

Sento prepotente la necessità di un cambiamento o di qualche novità, che però non arrivano nè arriveranno. In tutto questo ho la sensazione, spesso sbagliata, che alle persone che mi circondano interessi ben poco quello che penso o quello che mi fa stare male. Detesto che quando chiedo come finisce un film mi si risponda “eh, ti rovino la sorpresa così!” e non ci sia verso di ottenere quello che ho chiesto. Pare però che questo non lo capisca nessuno, anche se ho più volte espresso chiaramente il mio punto di vista in materia.

Tutte cose così, sciocchezze a cui si può ben passare sopra con una scrollata di spalle, ma che si accumulano fino a non riuscire più a smaltirle. Ecco, sto alla frutta.